12a EDIZIONE 2014,  mostre 2014

LEONARDO SCARRIGLIA: Rimbombo

Leonardo Scarriglia è nato a Crotone nel 1980, città calabrese dove attualmente risiede.
Ha frequentato la Facoltà di Architettura di Reggio Calabria interrompendo gli studi dopo circa 4 anni per dedicarsi allo studio della musica, in particolare della chitarra flamenco.
Ha frequentato diversi corsi e masterclass in Andalusìa, con alcuni dei più grandi maestri spagnoli di questo genere: Victor monge Serranito, Hoscar Herrero, Paco Javier Jimeno.
Nel 2008 ha incontrato la fotografia.
Medium inconsapevole del forte messaggio che un’esperienza artistica come la musica o lo studio dell’architettura possono dare, Leonardo è sempre alla ricerca di nuovi linguaggi che lo aiutino a comprendere ciò che lo circonda.
Dal momento in cui scopre di cosa è capace la fotografia, sua necessità primaria è quella di raccontare ed interpretare il mondo continuamente attraverso le immagini.
Scoprendo la LUCE, egli capisce i limiti dello spettro visibile all’occhio umano: “…la luce svela tutto d’un fiato cos’è il mondo e come può trasformarsi dietro l’ occhio di chi l’osserva…”, come lo stesso autore afferma.
Ha partecipato a numerose esposizioni individuali e collettive.
Le sue opere sono state esposte al MACK , Museo d’arte contemporanea di Crotone.


Questa è la storia di un viaggio nella memoria e nel tempo.
In ricordo di Francesco e la sua vita, vista dai miei occhi, metabolizzata dalla mia coscienza e rievocata da contunui flash back di ritorno.
Il pretesto per riordinare le idee e nutrire l’anima di sogni e desideri, un’escursione nelle viscere del pensiero UMANO.
Riporto così, ciò che vedo e sento dentro di mè, ad opera della mia mente.
David Hume, definisce MEMORIA, il persistere attenuato della percezione iniziale, simile a molla che continua a vibrare sulla spinta del primo impulso.
Il progetto “Rimbombo” nasce da tale imput, ed infatti, la parola stessa tenta di descivere u n suono prodotto all’interno di un luogo chiuso, e che persiste, per un certo periodo, nel tempo.

Un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*